20 marzo 2012

Se il gatto respira male (dispnea)

Si definisce dispnea la difficoltà a respirare. Il termine viene frequentemente utilizzato anche per indicare la respirazione rapida (tachipnea). Anche se la frequenza respiratoria normale del gatto è di 20-60 atti respiratori al minuto, il riscontro di un valore più alto di 50 atti respiratori al minuto dovrebbe far sospettare la presenza di uno stato patologico. Le cause della dispnea sono numerose e possono essere divise in diverse categorie a seconda del tratto dell’apparato respiratorio coinvolto nella loro patogenesi. Poiché molti gatti con difficoltà respiratorie sono in condizioni precarie, le prime cure e la valutazione iniziale devono essere fatte con rapidità e cautela.


Classico atteggiamento del gatto con difficoltà respiratoria: respiro a bocca aperta, affannoso. Se la lingua sporge all'esterno ciò denuncia grave dispnea.

Cosa fare

Lasciare il gatto il più possibile tranquillo e contattare urgentemente il veterinario. Se la dispnea si presenta fugacemente in condizioni di particolare stress (molto frequente nei viaggi in auto e non denota malattia) e/o il clima è molto caldo ed il gatto non sembra irrequieto e si comporta normalmente, potrebbe non trattarsi di un problema.
Cosa fa di solito il veterinario

Indagini diagnostiche principali
  • Osservazione del colore delle mucose e della lingua: la presenza di cianosi (colore bluastro) indica che è in atto una crisi respiratoria ed impone l’adozione di misure terapeutiche di emergenza prima di passare ad ulteriori indagini diagnostiche.
  • Auscultazione: inizialmente, il veterinario valuta i suoni polmonari ed i toni cardiaci.
  • Esami radiografici: torace, regione cervicale e/o cranio
  • Toracentesi e analisi del liquido pleurico: punzione ed eventuale prelievo di liquido dallo spazio pleurico per esami citologici (esame invasivo da eseguire solo in caso di accertata necessità!)


Quali potrebbero essere le cause?

  • Privazione di ossigeno: anemia, metemoglobinemia
  • Vie aeree superiori: rinite, masse rinofaringee, collasso o compressione tracheale
  • Polmone: edema polmonare (per cardiopatie o affezioni polmonari), polmonite (virale, batterica, micotica, da corpo estraneo, parassitaria), trauma polmonare (contusione, torsione, cisti), filariosi cardiopolmonare, asma bronchiale, enfisema, neoplasia polmonare (primitiva o metastatica)
  • Spazio pleurico: chilotorace (primitivo o secondario), piotorace, emotorace (trauma, coagulopatie, disordini emorragici, torsioni), pneumotorace (trauma, parassitosi, cause iatrogene), ernia diaframmatica (traumatica, congenita), neoplasia (linfosarcoma, mesotelioma, timoma, neoplasia polmonare), idrotorace (cardiogeno, da pericardiopatie, masse mediastiniche, peritonite infettiva felina, ernia diaframmatica, torsione di un lobo polmonare).


Terapia

Ossigenoterapia, diuretici, corticosteroidi ad azione breve. Terapie atte a correggere la causa di base della dispnea. Verrà evitata la somministrazione di liquidi che potrebbe essere fatale per sovraccarico di fluidi e peggioramento dell’edema.
Prognosi

La prognosi varia in funzione delle condizioni del gatto al momento della sua presentazione al veterinario, della risposta al trattamento di emergenza e della malattia primaria.

Nessun commento: